Foto del diario

La primavera non si è ancora fatta sentire del tutto e io già penso alle vacanze estive :-D
Che voglia di caldo, di pranzi e cene all'aperto. E voi?
Ho voglia di vacanza e anche di Positano <3

#artpostispirazioni

Foto del diario

Michelangelo, Centauromachia (1492 ca) - dettaglio.

Le prime opere realizzate da Michelangelo risalgono al periodo del soggiorno in casa Medici.
In questa fase realizza già due piccoli capolavori: la "Madonna della Scala" (1491 circa) e la "Battaglia dei centauri".
Si tratta di due opere diverse per tema (uno sacro e uno profano) e anche per tecnica (una in un bassorilievo in stile "stiacciato", l'altro in un altorilievo), entrambe conservate nel museo di Casa Buonarroti a Firenze.
Queste opere ci raccontano già quali sono i riferimenti del giovane Michelangelo e quali le sue ispirazioni: Donatello e la statuaria classica.

Nel 1492, quando morì Lorenzo il Magnifico, pare che Michelangelo dovette ritornare alla casa paterna e che i rapporti con il nuovo Signore di Firenze, Piero di Lorenzo de' Medici, fossero difficili.
Tuttavia è certo che nel 1493 Piero chiese ai frati agostiniani di Santo Spirito di ospitare Michelangelo, per permettergli di studiare l'anatomia sezionando i cadaveri provenienti dall'ospedale vicino.
Si racconta anche che nel 1494 a Firenze ci fu una grande nevicata e che Piero di Lorenzo de' Medici chiamò Michelangelo per realizzare una statua di neve nel cortile di palazzo Medici. L'artista fece un Ercole, che i fiorentini poterono ammirare per otto giorni.

#artpostmichelangelo

Foto del diario

Nicolaes Eliasz, 'Ritratto di Giovane donna' (1632) - dettaglio.

Pittore olandese bravissimo, uno dei ritrattisti più apprezzati ad Amsterdam. Poi arrivò Rembrandt e la concorrenza fu spietata.

#artpostdettagli

Edouard Manet: la colazione sull'erba

Edouard Manet era sicuramente un ribelle.
"Colazione sull’erba" è una delle sue opere più importanti, esposta nel 1863 al Salon des Refusés, dopo essere stata rifiutata al Salon ufficiale, è che provocò uno scandalo enorme.
Perché tanto clamore?

Ve lo racconto nel blog ---> http://www.theartpostblog.com/edouard-manet-colazione-sull-erba/#more-7885

Foto del diario

Michelangelo Buonarroti, Pietà ( 1497-1499) - Basilica di San Pietro in Vaticano.

Michelangelo Buonarroti nacque nel 1475 e venne messo a bottega presso Domenico Ghirlandaio.
Si dice però che il giovane apprendista e il maestro non andassero d'accordo, d'altronde Michelangelo aveva un pessimo carattere e non riusciva a lavorare in team, cosa fondamentale invece in una bottega.
Michelangelo per tutta la vita lavorerà praticamente da solo e senza allievi.
Comunque presso il Ghirlandaio ebbe modo di conoscere la cultura fiorentina e in particolare pittori come Filippo Lippi, Gentile da Fabriano, Verrocchio, Pollaiolo e Masaccio.
Ad un certo punto della sua vita Michelangelo ebbe accesso al giardino di casa Medici dove era conservata una collezione di oggetti d'arte, medaglie e camei antichi. Era il luogo dove si riunivano gli uomini illustri e gli intellettuali più importanti della fine del quattrocento, tra i quali Angelo Poliziano, Pico della Mirandola e Marsilio Ficino.
In questo ambiente Michelangelo matura la sua idea di bellezza e di arte.
Nel 1496 Michelangelo lascia Firenze per trasferirsi a Roma, dove su commissione del cardinale Jean Bilheres realizza la "Pietà" (databile al 1497-1499), oggi conservata a San Pietro.
Michelangelo aveva 24 anni.

#artpostmichelangelo

Foto del diario

Se c'è una cosa che mi piace tanto è trovare modi per portarvi a vedere ciò di cui scrivo .
È bellissimo ogni volta conoscervi.
Grazie a chi è venuto oggi a vedere il #cenacolo di #leonardodavinci a Milano e grazie anche a Laura di Arte Milano .
I gemellaggi artistici sono i miei preferiti.
😘
*
*
🇬🇧 I love to take you to SEE the works of art of which I write, and I'll tell chd in the blog. Thanks to those who Came Today in Milan for Visit #lastsupper by Leonardo da Vinci.
*
*
*
#Ig_italia_marzo #storytelling #igitaly #igersmilano #aquietstyle #inlombardia #whatitalyis #italy_vacations #italian_places #FolkGood #gf_italy #italian_trips #italy365 #transfer_visions #beautifuldestinations #discoveritaly #igerslombardia #ig_lombardia #volgolombardia #lombardia_super _pics #visitlombardia #igerslombardia

Remi Rough: Symphony of Systematic Minimalism

Mostre per chi ama l'arte contemporanea.
Dove?
Alla Wunderkammern di Roma :-)

Ingresso gratuito.

Foto dal post di ART post Blog

Lo sapete che a Casalmaggiore c'è il Museo del Bijou?
In questo museo si racconta la storia gloriosa e luminosa del Bijou, di cui l'Italia è stata leader mondiale per decenni.
Se andate a visitare il museo dal 25 marzo al 4 giugno 2017 vedrete queste meraviglie, una selezione di oltre 300 bijoux di Carlo Zini.

La mostra è curata da Bianca Cappello

Foto del diario

Buongiorno Milano. Prontissima per accompagnare un gruppo di voi , che mi seguite sempre, al #cenacolo e intanto mi faccio un giro per la città.
Ho visto centinaia di volte l'ingresso della #galleriavittorioemanuele Da #piazzaduomo ma ogni volta mi viene di fare una foto come questa, perché è semplicemente gigantenorme e bellissima 😉
*
*
*
🇬🇧 I love this view in Milan.
*
*
*
#perfettoperme #meizuitaly #meizureporter #meizu #Ig_italia_marzo #wwwim15 #wwwim15milano #storytelling #igitaly #igersmilano #aquietstyle #inlombardia #whatitalyis #italy_vacations #italian_places #ChasingEmotions #FolkGood #gf_italy #italian_trips #italy365 #transfer_visions #icu_vsco #igs_europe #beautifuldestinations #discoveritaly #igerslombardia #ig_lombardia #volgolombardia #lombardia_super _pics #visitlombardia

Foto del diario

Oriol Jolonch è un fotografo spagnolo che realizza foto surreali.
Ho scoperto oggi la sua pagina Oriol Jolonch - Fotografia ilustrativa e mi ha stregata.

#artpostispirazioni

Foto del diario

Divagazioni, ma neanche tanto, della domenica ;-)
Christian Dior spring 2009.

Per me la moda è anche arte. Cosa ne pensate?

#artpostfashion

Foto del diario

Metropolitana di Napoli, stazione di Toledo. La Foto di Marco Criscuolo è spettacolare ma questo luogo è magico ;-)

#artpostispirazioni

Foto del diario

Leonardo da Vinci, Autoritratto (1512) - Biblioteca Reale di Torino.

«Farai le figure in tale atto, il quale sia sufficiente a dimostrare quello che la figura ha nell’animo; altrimenti la tua arte non sarà laudabile», scriveva Leonardo Da Vinci nel «Trattato della Pittura».

Quando fu disegnato l’Autoritratto, Leonardo viveva in Francia. Erano gli anni in cui l’artista era al servizio di Francesco I, nell’ultimo periodo della sua vita. Dopo la sua morte nel 1519 il disegno, così come altre opere , andarono in eredità a Francesco Melzi, collaboratore di Leonardo.
Melzi portò tutta la collezione delle opere di Leonardo nella sua villa vicino Bergamo. Collezione che, alla morte di Melzi, andò dispersa dai suoi eredi.

Del disegno non si seppe più nulla per un po’ fino all’Ottocento quando, a Milano, l’Autoritratto venne copiato e riprodotto in un’incisione per un libro.
L’opera tornò in mani sicure nel 1839 quando Carlo Alberto di Savoia la acquistò da un collezionista dell’epoca.
Dopo l’acquisto da parte del re, il disegno rimase a Torino, dove ancora oggi è conservato nella Biblioteca Reale.
L’Autoritratto è un’opera importante per almeno due motivi.
1. Il primo è che, grazie a quel disegno, la fisionomia di Leonardo è arrivata fino a noi e spesso viene identificata unicamente con quelle sembianze.
2. Il secondo motivo è che rappresenta un’innovazione nel genere del ritratto. Non si ritrae un soggetto semplicemente per autocelebrarlo, ma gli si conferisce un’anima.
Leonardo nel suo disegno riesce a fare proprio questo.

#artpostleonardo

Foto del diario

Jules Joseph Lefebvre (1836 – 1912), dettaglio del Ritratto di Edna Barger.

#artpostdettagli

Foto dal post di ART post Blog

Sondaggio della settimana e stavolta recupero due temi che non erano riusciti a raggiungere la maggioranza e vincere:
AFFRESCHI oppure MICHELANGELO ?

Nelle immagini: La Cappella di San Brizio nel Duomo di Orvieto - Il David di Michelangelo.

William Merritt Chase (1849-1916)

A Venezia presso la Fondazione Musei Civici Venezia l’anteprima europea di una grande retrospettiva dedicata all’artista americano William Merritt Chase.
Ho realizzato un video mettendo insieme le immagini della mostra e nel blog trovate tutte le informazioni per la vostra visita ---> http://www.theartpostblog.com/william-merritt-chase/#more-18910

Il video lo potete vedere anche nel mio canale YouTube ;-)

Foto del diario

Leonardo da Vinci, L'Uomo vitruviano (1490 circa) - Gallerie dell'Accademia di Venezia.

Il più famoso tra i disegni di Leonardo rappresenta l’unione tra arte e scienza: l’uomo è perfettamente inserito all’interno di due figure geometriche, il cerchio e il quadrato, forme considerate perfette dal filosofo greco Platone.

Le due figure geometriche rappresentano la creazione: il quadrato rappresenta la Terra, il cerchio l’Universo. L’uomo entra in contatto con le due figure in maniera proporzionale e ciò rappresenta la natura perfetta della creazione dell’uomo in sintonia con Terra e Universo.
Si tratta di una rappresentazione unica nel suo genere e soprattutto innovativa. L’opera è stata interpretata grazie ai due testi di Leonardo presenti nella parte superiore e in quella a piè di pagina. Le note rimandano ad un passo di Vitruvio, architetto e scrittore romano ritenuto il più famoso teorico di architettura di tutti i tempi.

Il documento è delicatissimo e viene esposto solo in occasioni eccezionali a Venezia, presso le Gallerie dell'Accademia di Venezia, e quasi mai concesso in prestito.

#artpostleonardo

Foto del diario

Palazzo Te, Sala dei Giganti (Mantova).

Palazzo Te è solo una delle tante meraviglie di Mantova. Nel blog ho pubblicato l'elenco dei musei da visitare ---> http://www.theartpostblog.com/musei-mantova/

#artpostispirazioni

Foto del diario

Leonardo da Vinci, Adorazione dei Magi (1481-1482) - Uffizi.

L'opera fu commissionata a Leonardo dai monaci di San Donato a Scopeto, ma non fu mai completato a causa della partenza di Leonardo da Milano.
L'artista lo lasciò a Casa di Amerigo Benci ed è arrivato fino a noi quasi per farci comprendere il metodo di lavoro di Leonardo, che arrivava a completare un'opera solo alla fine di continui (e spesso interminabili) studi preparatori.
Io di quest'opera ho sempre ammirato lo sfondo, perchè sembra in movimento e simile ad una scena cinematografica.
Se Leonardo fosse nato nel XX secolo sarebbe stato uno scienziato da Nobel oppure un regista da Oscar!

#artpostleonardo

Foto del diario

Francis Cotes (English, 1726–1770), Ritratto della Contessa di Shipbrook (dettaglio).

#artpostdettagli

Foto del diario

È tempo di tour per #artpostblog e di idee :-)
Il prossimo weekend andrò a vedere con alcuni di voi il Cenacolo a Milano (ci accompagnerà Arte Milano ), ma sono già al lavoro per un tour bellissimo a Venezia 😁 #artpostexperience
*
*
*
*
*
#huntgram #livefolk #italia #igersitalia #ig_italia #ig_italia_gennaio #ig_worldclub #shotaward #storytelling #igitaly #igersvenezia #aquietstyle #whatitalyis #italy_vacations #italian_places #gf_italy #italian_trips #beautifuldestinations #italiainunoscatto #topphoto #italia365 #bestvacations #finditliveit #igers_veneto #sanmarcosquare #ig_veneto #veneziaunica #veneziadavivere

Palazzi dei Rolli Genova: i miei Rolli days

Il 1° e il 2 aprile tornano a Genova i Rolli Days.
Nel blog vi consiglio cosa vedere e vi racconto come sono stati i miei #Rollidays ---> http://www.theartpostblog.com/palazzi-dei-rolli-genova/

Nella pagina di Genova Turismo ci sono già i primi post sugli eventi da non perdere.
#genovamorethanthis

I migliori ristoranti del mondo nei musei

Quante volte al bar di un museo vi siete sentiti tristi nel guardare i panini gommosi che sembrano lì da sempre?
Quante volte dopo 3 secondi avete girato i tacchi e ve ne siete usciti a cercare un ristorante decente?
Io tante volte, anzi spesso ... direi quasi sempre, soprattutto in Italia. Ma c'è speranza sappiatelo!

Nel blog ho fatto l'elenco dei 5 migliori ristoranti del mondo nei musei. 1 si trova in Italia :-) ---> http://www.theartpostblog.com/migliori-ristoranti-del-mondo-nei-musei/#more-19196

Suggeritemi i vostri consigli, se ne avete scoperto altri ;-)

Foto del diario

Leonardo da Vinci, Vergine delle rocce (1483-1486) - Louvre.

Il dipinto fu realizzato per la Cappella della Concezione in San Francesco Grande a Milano.
I committenti erano i fratelli De Pedris, della Confraternita della Immacolata Concezione, ma probabilmente alla fine fu Leonardo a portare l'opera in Francia. Ma la questione è parecchio misteriosa.
Il mistero è ancora più fitto perchè esiste una seconda versione del dipinto e conservata allaNational Gallery di Londra. Questa fu acquistata dal pittore londinese Gavin Hamilton nel 1785 proprio a Milano.

In realtà il nodo della vicenda risale proprio ai tempi in cui la tavola fu realizzata, infatti una lunga controversia divise Leonardo con la Confraternita, ed è quindi ipotizzabile che la seconda versione (quella di Londra) sia stata realizzata per venire incontro alle diverse richieste dei committenti.

#artpostleonardo

Foto del diario

La libreria Acqua Alta a Venezia.

#artpostispirazioni

Foto del diario

La Sala delle Asse al Castello Sforzesco.

Mentre lavora al Cenacolo, Leonardo riceve l'incarico di decorare la sala al pianterreno nella torre a nord-est del Castello Sforzesco.
Si tratta della Sala delle Asse, che si ispira alle feste con cui a Milano , nel 1494, si erano celebrate le nozze della nipote di Ludovico Sforza con l'imperatore Massimiliano..
Leonardo trasforma la sala in un ambiente simile ad un pergolato all'aperto, con alberi che s'intrecciano e seguono l'andamento della volta.
Campeggia anche lo stemma degli Sforza, simbolo el buon governo.
Questa è l'ultima opera di Leonardo a Milano, poiché Ludovico perde il potere e dopo parecchi anni Leonardo torna in fretta e furia a Firenze .

Il tempo, le infiltrazioni, pessimi restauri e l'abitudine di Leonardo di sperimentare tecniche nuove per dipingere sulle pareti ed evitare l'affresco hanno reso questa sala neppure lontanamente immaginabile all'originale.
Il mio consiglio è comunque di andare a vederla, perchè quello che è rimasto è sicuramente stupefacente.
Nel blog ho anche scritto un post con le 5 cose da sapere sul Castello Sforzesco di Milano ---> http://www.theartpostblog.com/cose-da-sapere-castello-sforzesco-milano/

Ho cercato delle immagini della sala delle Asse da pubblicare e che rendessero l'idea di fondo, ma non ne ho trovate e allora pubblico un disegno di Leonardo per uno studio su piante e fiori.

#artpostleonardo

Foto del diario

Seguace di William Larkin, Three Young Girls (1620 circa) - Berger Collection at the Denver Art Museum.

Mani, mani, mani.
Tra voi ci sono appassionati di dipinti in cui appaiono le mani.
Questo dettaglio lo dedico a voi, che state cercando ispirazioni e che amate le mani dipinte :-)

#artpostispirazioni

Il Vedutismo

Canaletto era uno degli artisti più famosi al mondo nel Settecento e le sue vedute di Venezia, ma anche di Londra, erano richieste da appassionati e collezionisti di tutto il mondo.
Nel blog vi spiego cos'è il Vedutismo, di cui Canaletto era il principale esponente ---> http://www.theartpostblog.com/vedutismo/#more-19058

Foto del diario

Leonardo da Vinci, La Vergine, Sant'Anna e il Bambino con l'Agnello (1510) - Louvre.

Per Leonardo la pittura è Scienza, ovvero il linguaggio migliore con cui comunicare la conoscenza.
L'arte quindi per lui è il modo per raccontare lo sviluppo del pensiero scientifico, dello studio della botanica, dell'anatomia, della geometria, della meccanica e di tutte le discipline in cui si cimentava.
Leonardo elabora una nuova tecnica per disegnare ad esempio l'anatomia e infatti per descrivere il corpo umano, che lui stesso sezionava, faceva disegni della stessa parte anatomica vista da più punti di vista.
Scrisse: "dunque è necessario fare più anatomie, delle quali tre per avere piena notizia delle vene e [...] altre tre per avere notizia delle membra; tre per corde e muscoli e i legamenti, tre per ossa e le cartilagini [...]".

#artpostleonardo

Foto del diario

Chi ha visto Barcellona da qui? 😊

#artpostispirazioni

Foto del diario

Mantova lo scorso anno è stata capitale italiana della cultura.
L'ho visitata e me ne sono innamorata ---> http://www.theartpostblog.com/cosa-vedere-a-mantova/

#artpostispirazioni

Foto del diario

Il San Girolamo di Leonardo è un dipinto incompiuto e monocromo realizzato su tavola nel 1480 ed è custodito presso la Pinacoteca Vaticana (Roma).

Su quest’opera nessun critico ha mai sollevato dubbi circa la paternità di Leonardo nonostante non si conosca con certezza la sua storia fino al 1845, anno in cui papa Pio IX lo acquistò al prezzo di 2500 franchi dagli eredi di un cardinale addetto alla custodia delle opere d’arte nei Musei Vaticani.
Non esistono documentazioni storiche, fatta eccezione per gli scritti che parlano del dipinto in esame ma senza riferimenti certi.
Appartenuto ad Angelica Kauffmann (una pittrice svizzera) il dipinto sarebbe poi andato perduto, per essere ritrovato dal cardinale Joseph Fesch segato in due parti.

Una storia romanzesca vuole che la tavola del S. Girolamo fosse stato segata in due, di cui la parte superiore, più grande dell’altra, venne trovata in una calzoleria dove faceva da pianale ad uno sgabello nel quale sedeva un calzolaio, mentre la parte inferiore, che fungeva da coperchio per una cassetta, venne trovata in una bottega di rigatteria.
Il cardinale Fesh recuperò entrambe le tavole e le riunì, portando il dipinto alle dimensioni originali.
Il dipinto poi venne venduto dagli eredi a Pio IX.

#artpostleonardo

Foto del diario

Tiepolo. Dettaglio dalla "Visione di Pasquale Baylon dell'Eucarestia" (1767) - Courtauld Institute Galleries - Londra.

#artpostdettagli

Keith Haring - 5 cose da sapere

Ormai mi è presa la fissa dei video ;-)
Per la serie "5 COSE DA SAPERE" ecco il primo video mensile con le 5 cose da sapere su Keith Haring.

P.S. La versione integrale la trovate su YouTube, eccola ---> https://www.youtube.com/watch?v=9H3aEf1p89Q&t=45s&spfreload=10

Museo del Novecento

Il Museo del Novecento a Milano.
Quando è stato inaugurato, le opere da non perdere, come organizzare la tua visita.

Tutto nel blog ;-) ---> http://www.theartpostblog.com/museo-del-novecento/

Foto del diario

Leonardo da Vinci, Gioconda, (1503–1506 circa) - Musée du Louvre

Leonardo da Vinci arrivò a Milano nel 1482 e vi rimase per ben sedici anni al servizio di Ludovico il Moro.
Si occupò dei diversi campi delle scienza e delle arti, ma si dedicò prevalentemente all'attività di pittore, infatti, qui realizzò opere molto importanti.
Nel trattato della pittura Leonardo da vinci scrive:" il bono pittore ha da dipingere due cose principali, cioè l'homo e il concetto della mente sua. Il primo è facile, il secondo difficile perché s'ha a figurare con gesti e movimenti delle membra".

Dopo Milano, Leonardo da Vinci intraprese una serie di viaggi, si recò a Ritratto di un musicistaMantova, a Venezia, e poi ritornò a Firenze.
In questi anni iniziò anche il famoso ritratto della "Gioconda", un dipinto a lui caro che portò con se anche in Francia dove rimane tutt'oggi, al museo del Louvre. E' il ritratto di una gentildonna fiorentina, identificata con Monna Lisa di Giocondo, rappresentata a mezza figura e di tre quarti sullo sfondo di un paesaggio roccioso con due laghi posti su un diverso livello.
L'atmosfera suggestiva e il sentimento di malinconia che suscita sia il paesaggio che la figura è accentuato dall'uso dello sfumato leonardesco.

#artpostleonardo

Foto del diario

Claude Monet nel suo giardino a Giverny.

#artpostispirazioni

5 cose da sapere sul Cenacolo Vinciano

Nel 1495 Leonardo inizia ad affrescare il refettorio di Santa Maria delle Grazie a Milano con una scena dell’Ultima cena.

La tecnica dell’affresco non è il suo forte.
Il tipo di tempera utilizzata per gli affreschi, infatti, asciuga subito e non consente di intervenire sul dipinto dopo la prima stesura. Per L’ultima cena, Leonardo utilizza un impasto che asciuga lentamente, questa scelta comprometterà l’opera che, già pochi anni dopo la sua realizzazione, comincerà a mostrare i primi segni di cedimento.
Riluttante a considerare finite le proprie opere, Leonardo non cessa di apportare ritocchi e correzioni anche a distanza di anni. Sono pochi infatti i dipinti del fiorentino che possano dirsi effettivamente conclusi.

Il prossimo weekend accompagnerò alcuni di voi, che si sono prenotati, a vedere proprio il Cenacolo di Leonardo a Milano. Su instagram stories vi mostrerò la nostra giornata, nel frattempo andate sul blog a leggere le 5 cose da sapere sul Cenacolo Vinciano :-) ---> http://www.theartpostblog.com/5-cose-da-sapere-sul-cenacolo-vinciano/

#artpostleonardo

Foto del diario

Il dettaglio di oggi è un dipinto di Michele Gordigiani (Firenze, 29 maggio 1835 – Firenze, 7 ottobre 1909).
"Ritratto della regina Margherita". Roma, Patrimonio del Quirinale.

#artpostdettagli

Manet e la Parigi moderna

MOSTRE DA VEDERE: Manet e la Parigi moderna è in mostra a Milano.
Nel blog trovate un assaggio delle opere esposte al Palazzo Reale fino al 2 luglio 2017.
---> http://www.theartpostblog.com/manet-e-la-parigi-moderna/#more-19223

Mostra promossa e prodotta da MondoMostre Skira , Comune di Milano e Palazzo Reale.
#ManetMilano

Foto del diario

Andrea del Verrocchio, Leonardo da Vinci e altri, "Il Battesimo di Cristo" - 1475-1478. Uffizi.

Tra le prime opere di Leonardo vi è la testa dell’angelo nel Battesimo di Cristo firmato dal Verrocchio.
L'angelo di Leonrado è quello che si vede di profilo, quello di Verrocchio è quello che guarda adorante il volto dell'angelo di Leonardo.
Si racconta che, colpito dalla bravura del giovane allievo, il Verrocchio abbia deciso di non dipingere più.

Nel 1482 viene chiamato a Milano alla corte di Ludovico il Moro dove resterà per 17 anni. Qui realizza alcuni dei suoi ritratti più celebri: la Dama con l’ermellino, il Ritratto di musico e la Belle Ferronière. Nel 1495 riceve l’incarico di affrescare il refettorio di Santa Maria delle Grazie a Milano. Sceglie di dipingere l’Ultima cena.
Alla fine del 1499 Leonardo lascia Milano: la sua fama è al culmine e riceve incarichi da tutte le corti d’Italia. È in quest’epoca che Leonardo dipinge la Gioconda.

#artpostleonardo

Foto del diario

Claude MONET, Water Lilies,1917.

Bentornata primavera!

La casa della dama con l’ermellino è a Milano - Il Piccolo Teatro di Milano.

Leonardo da Vinci, La Dama con l'ermellino (1488-1490) - Castello del Wawel, Cracovia.

La Dama con l'ermellino si chiama Cecilia Gallerani.
Cecilia non era una donna qualsiasi, ma una personalità molto influente nella Milano della seconda metà del '400.
Era colta, bellissima e aveva completamente stregato Ludovico il Moro, Signore di Milano, dando alla luce anche un figlio suo ma che non bastò a trasformare questa unione in un matrimonio.
Il Moro infatti si sposò con Beatrice d’Este, ovviamente per questioni politiche.
Si doveva però salvare l'onorabilità di Cecilia, che venne sistemata con un buon matrimonio e Ludovico il Moro voleva continuare a frequentarla e lo fece nel modo più semplice che aveva.
Le dona Palazzo Carmagnola, praticamente a due passi dal Castello Sforzesco che era la casa del Moro.
Il Palazzo diventa il principale salotto della politica e della cultura milanese del tempo, con Cecilia da fare da padrona di casa.
Il Palazzo esiste ancora ed è ora sede del Piccolo teatro di Milano.
Da qui passò sicuramente anche Leonardo da Vinci, che lasciò la sua meridiana all’interno del cortile, e che sicuramente si fermò spesso per realizzare il famosissimo di Cecilia, la dama con l’ermellino.

La storia di Palazzo Carmagnola ve la racconto tutta nel blog ---> http://www.theartpostblog.com/piccolo-teatro-milano-palazzo-carmagnola/

#artpostleonardo

Foto del diario

A Rose, di Thomas Anshutz, 1907 - dettaglio.

Thomas Pollock Anshutz è stato un pittore americano, vissuto tra il 1851 e il 1912.
Perfetto come un pittore francese della prima metà dell'Ottocento, capace di usare la luce come un Impressionista della prima ora.

#artpostdettagli

Dormire in un faro simile a quello dipinto da Hopper si può. I 3 fari più belli dove rifugiarsi.

Sospeso tra terra e mare, il faro è il punto di riferimento dei marinai, ma evoca anche significati poetici. E' il punto a cui volgere lo sguardo si ci si sente perduti oppure il luogo da cui scrutare l’infinito.
Ho sempre desiderato passare almeno una notte in un faro e voi?
***
Ho realizzato un elenco dei 3 fari più belli dove trascorrere una vacanza avventurosa, romantica e lontana da tutto e da tutti ---> http://www.theartpostblog.com/dormire-in-un-faro/

Se sei un creativo c'è anche un Contest che si chiama "Lighthouse Interior", il concorso per la definizione di una nuova collezione di complementi di arredo per i Fari che diventano luogo di vacanza.
Visita il sito per partecipare: http://www.competitionsfordesigners.com

#CODE

Foto del diario

L'Annunciazione di Leonardo da Vinci (1472-1475) dettaglio - Uffizi.

Leonardo Vinci è stato uno degli artisti più influenti in tutte le discipline, non solo artistiche. E' stato ingegnere, scultore, pittore, poeta, architetto, inventore e molto altro.
La sua fama però è legata alle sue opere d'arte prima e ai suoi appunti di scienziato poi.

La straordinaria avventura artistica di Leonardo inizia a Firenze nel 1469, anno in cui inizia a frequentare la bottega di Verrocchio, e qui inizia ad osservare attentamente le cose del mondo reale ed in particolare il comportamento della luce, vedendo nelle variazioni di questa i cambiamenti, non soltanto delle forme, ma anche grazia ed eleganza.
Nel suo “Trattato di Pittura” ricorda che quando è cattivo tempo, la luce diventa “mezza luce” e conferisce alle figure “grazia e dolcezza”.
Il chiaroscuro, che fino a quel momento era servito soprattutto per ottenere effetti luminosi con Leonardo diventa un indispensabile strumento per creare penombre, armoniose luminosità e vibranti riflessi.
Il suo chiaroscuro non è una semplice degradazione cromatica, ma uno sfumato che attenua i contorni delle figure concede alle immagini l’effetto di lontananza.
In questo modo rende lo spazio più lprofondo, superando i limiti della prospettiva.

#artpostleonardo

Foto del diario

Così tante città meravigliose da vedere e così poco tempo!
Nuovi progetti sono in arrivo, ma oggi ho passato una delle domeniche più pigre di sempre.
Domani è un altro giorno e ci sarà tempo per cominciare a pianificare 😉
*
*
*
#livefolk #italia #igersitalia #ig_italia #ig_italia_marzo #ig_worldclub #storytelling #igitaly #umbriagram #aquietstyle #visitumbria #igumbria #bestumbriapics #umbria_super_pics #loves_umbria #italian_places #volgoumbria #beautifuldestinations #italiainunoscatto #italia365 #umbriatourism #yallersumbria #selfportrait #fotografia #fotografiaunited #orvietoumbriaitaly

Foto del diario

Probabilmente il Duomo di Siena è la Chiesa più bella che abbia mai visto.
Questa è la sua facciata 😊

#artpostispirazioni

Foto del diario

Il David di Michelangelo

#artpostispirazioni

spazioelettronica